giovedì 31 dicembre 2009

Faccio ammenda con i panzerottini alla mortadella

Ho offeso lo spirito campanilista del mio concubino siciliano, scrivendo in questo post

"non me ne vogliano i siciliani, con cui tra l'altro sono imparentata, che friggerebbero anche le pietre."


Devo quindi dimostrare che friggiamo anche in Puglia, altrimenti bisticciamo. Potrebbe essere uno dei buoni propositi per l'anno nuovo: non far arrabbiare il concubino. Che si deve fare per il quieto vivere! Comunque questa ricetta l'ho presa dalla famosa agenda della nonna Maria, la quale fra 2 giorni compirà 91 anni (la nonna, non l'agenda!).

Ingredienti per 25-30 panzerottini:
500 g di farina
500 g di patate lesse schiacciate
50 g di burro morbido
2 uova sbattute
2 cucchiaini di sale
1/2 lievito di birra
olio per friggere

per il ripieno: scamorza e mortadella


Preparate il ripieno tagliando a cubetti la scamorza e tritando molto grossolanamente la mortadella. Impastate tutti gli ingredienti e spianate sottilmente l'impasto. Ritagliate dei tondi di circa 10 cm di diametro, mettete al centro un po' di ripieno e chiudete con una rotella dentata. Fate lievitare i panzerottini 3-4 ore, ma anche di più. Friggete in olio profondo fate sgocciolare su carta da cucina. Serviteli caldi.

Fonte: ricetta di mia nonna Maria

Note e consigli:
  • Le patate devono essere fredde: assorbiranno così meno farina.
  • Io ho usato 1/2 bustina di lievito disidratato, miscelandolo alla farina.
  • Sigillate bene i panzerottini altrimenti in cottura si apriranno. Non cospargete quindi la spianatoia con troppa farina.
  • La proporzione fra grassi contenuti e quantità di lievito permette una certa stabilità nella lievitazione. Per maggiore sicurezza, nel caso li prepariate a pranzo per la cena potete metterli in frigo su un canovaccio cosparso di farina.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails